Tanto Oro quanto pesi e forse di più

Sono sveglia dalle 4 di stamattina perchè ho dovuto accompagnare mio nonno in ospedale, per l’ennesima volta e per chi sa quante altre ancora. Ma non è questo il punto. Ho acceso una sigaretta, non dovrei fumare ma questo periodo della mia vita vuole i momenti sospesi nel fumo per riflettere.

Ieri sera ho visto Annozero, non perchè ami particolarmente la causa Santoro, anche se non nego che alle volte sia interessante, ma ieri sera nello specifico l’ho visto come si vanno a vedere gli animali in estinzione allo zoo…con la domanda: chissà se ce la farà oppure chissà come farà a a farcela.

In realtà la trasmissione mi è parsa parecchio confusa con ognuno impegnato a depistare questioni spinose, o a ribadire posizioni, orgogli e quant’altro.

Eccetto che per un exploit incredibile di una giovane Popolana delle Libertà- imbarazzante quanto divertente – la trasmissione è stata forse un pò noiosa… Tuttavia un particolare mi ha incuriosito.

Le donne.

In sequenza come nei titoli di coda avevamo: la meretrice(D’addario), la passionaria(la popolana delle libertà), la femminista(mah), le giornaliste: Latella/Rangeri, le amiche del villaggio (Altre escort in comparsa). Mischiando gli ingredienti la ricetta sembrerebbe quella di un pasticcio di genere:

La pasionaria, poverina povera di capacità manipolata come un kamikaze pronta a suicidarsi (quantomeno intelletualmente) per la causa

La femminista: le regalerei fors equalche libro, perchè reagire alla osservaizone della Sig.ra Latella prendendola come un attacco piuttosto che come una constatazione è segno di scarsa presenza alla causa(per non andarle a dire che il femminismo visto il contesto e i motivi della trasmissione stessa è morto)

La D’addario:come la madonna, senza strillare(Santanchè impara) ribadisce orgoglio da lavoratrice – nemmeno alla catena di montaggio gli operai – orientata alla realizzazione del sogno di suo padre(per non contare la madre, la figlia e il fratello disoccupato). Si fà quel che si può, potrebbere essere il suo motto qualora dovesse scendere ancora in politica(vedo già la sua candidatura portata dal PD)

Le amiche del villaggio: povere e sceme, ahimè di loro non resterà altro che i loro congiuntivi sgrammaticati e la tristezza nel vedere fattasi donna l’ignoranza.

Le giornaliste: sobrie e non strillone (Santanchè impara anche qui) una giusta scenografia.

Benchè la ricchezza delle partecipanti abbia allietato la vista, in realtà se ci penso il quadro è povero, nessuna donna presente a ribadire l’uso “criminoso” del corpo umano, della mercificazione, della conclusone e giocattolo o a termine di scambio,  la visione del potere come strumento maschile, perchè non  invitare una ministra (magari impegnate in shopping con soldi pubblici, non vedo l’ora che dichiari che erano regali istituzionali…) perchè non invitare una donna altrettanto capace di poter parlare del potere e della forza della tratta degli esseri umani mezzo denaro. Non ne abbiamo?O forse non le consideriamo?

Le donne vanno a peso, tanto oro quanto pesano…tanto ora quanto pesi per divertirmi…

spaventoso…

2 pensieri su “Tanto Oro quanto pesi e forse di più

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...