Ci ho provato!

Che fine hai fatto?

Ti rendi conto di quanto sia inappropriato e limitante dire a qualcuno che fine hai fatto? Presuppone che tu sia finito, finito nel senso sostanziale e formale…e soprattutto sai quale è la cosa peggiore?

Fatico, quale?

Che hai finito!!!Finito, ti rendi conto?

Si, ma non doveva essere così tremendo era per sottolineare che è da un po che non ci si sente e non avevo notizie, tutto qui.

Si, ma io non sono finita…

Va bene, allora, cosa è accaduto durante queste giornate?

Accaduto presuppone anche lui un senso di fine?

Adesso basta…

Ok, scusa. Allora, nell’ultimo mese esatto ci ho provato!

In che senso?

Nel senso che ad un certo punto capisci che hai solo possibilità e non è vero che sei limitata o non puoi scegliere, la verità è che devi fare solo un po più fatica .

Del tipo?

Ho scritto due articoli, uno per il progetto di ricerca per il quale avevo il contratto al Politecnico e poi ho deciso di partecipare alla confereza della Società Italiana degli Urbanisti da sola…o meglio ho scritto un pezzo con una amica ma sono andata a Pescara da sola e sopratutto senza senior…I,o una non urbanista, sola a parlare della mia visione “urbanistica”…

I Monthy Python ci avrebbero fatto un pensierino negli anni 80…ci sei andata con una zucca in mano?

No, e lo sai: è andata benissimo…è stato eccitante, entisiasmante e li ho fatti ridere…

Non depone bene…

No, non nel senso negativo – maledetti modi di dire !!! – Nel senso che ho provato a interpretare il mio pensiero con legerezza, non di contenuti ma di animo…

Non sarai sembrata brilla?

No, sto provando ad esplorare il mio modo di guardare alle riflessioni accademiche. Non mi piace l’impostazione, mi piace l’idea della condivisione e della discussione. Per questo non serve essere dall’altra parte del muro, basta essere in cerchio tra gli altri e ascoltare.

Come gli alcolisti anonimi…

Dai, basta, sono seria. Ho condiviso e a loro volta hanno condiviso con me..

Dovrebbe essere così l’università?

No, credo che lo statuto  segreto, quello conservato nei sotterranei, quello sul quale fanno giurare gli strutturati in gran segreto, dica espressamente che non si debba né condividere né dibattere…Dicono che sia una leggenda ma io lo sto cercando, sono convinta che prima o poi lo troverò.

Si, ma non raccontarlo in giro. Per il resto?

I miei giardini proseguono, ma devo ancora entrare a regime…Però mi diverto anche li…

Da pazza visionaria con una zucca in mano a Q di fiori…Una trasformazione repentina e schizofrenica. Ma coerente…sempre piante ci sono..

Uff…mi sono stancata, ma sono quasi soddisfatta. Adesso ho qualche giorno di quiete, non ci sono abituata, anzi mi sento un po a disagio…

Puoi dedicarti a te magari, anzi come va la dieta?

Finita…

Davvero hai raggiunto l’obiettivo?

No, è finita da qualche parte nello spazio dell’automotivazione e non lo più trovata…Che fine avrà fatto?

Non ce la posso fare…

p.s. per chi volesse spolverarsi la memoria
qui l’idea della zucca:

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...